rassegna stampa

11-17 APRILE, IN MARCIA DA MENFI A PALERMO
Nel nome di Danilo Dolci
di Valentino Parlato
Il Manifesto 8.4.2011

Sono passati 44 anni da quando, nel marzo del 1967, si svolse la «marcia della protesta e della speranza» guidata da Danilo Dolci e Lorenzo Barbera e alla quale parteciparono centinaia di lavoratori e intellettuali come Carlo Levi, Bruno Zevi, Lucio Lombardo Radice, Ernesto Treccani. Un’altra epoca, ma ora la Marcia si ripete, dall’11 al 17 aprile, attraversando tutta la Sicilia occidentale: da Menfi a Palermo, con conclusione a Trappeto, dove negli anni ’50 Danilo Dolci avviò la sua grande iniziativa nella valle del Belice.

Una lunga marcia a piedi che avrà come temi centrali l’acqua, l’accoglienza ai rifugiati, la crisi dell’agricoltura, il sostegno alla magistratura nella lotta alla mafia, l’autodeterminazione delle comunità locali.
La marcia parte da Menfi, che ha rifiutato la cessione della rete idrica alla Regione, che l’avrebbe privatizzata. Poi, percorrendo la valle del Belice, a Santa Margherita. Il 13 aprile tappa a Camporeale, dove si discuterà di energie alternative e rinascita dell’agricoltura. Il 14 sosta a Partinico, con dibattito sulla scuola pubblica e poi a Borgetto, dove si affronterà il tema «acqua pubblica, antimafia, democrazia». Il 15 di aprile tappa a San Martino della Scala con narrazioni, concerto e discussione sul che fare dopo la marcia e il 16 arrivo a Palermo, con sosta ai Cantieri culturali della Zisa, che non possono rimanere come sono: vanno rinnovati e vitalizzati. La marcia si conclude a Trappeto-Borgo di Dio con l’obiettivo di rimettere in funzione il centro di Danilo Dolci e costituire un Centro di formazione e ricerca del Mediterraneo.
Si tratta di una straordinaria mobilitazione di popolo, vera e reale come – a mio parere – risulta dalle seguenti indicazioni pratiche degli organizzatori: «Ogni giorno la partenza è alle 9; pausa pranzo alle 13; arrivo previsto 18,30. Si cammina in media 18 km per tappa. In ogni paese di arrivo sarà possibile pernottare con sacco a pelo gratuitamente o a pagamento presso B&B. I bagagli saranno trasportati da un pulmino. Per limitare gli sprechi invitiamo i partecipanti a portare con sé un mini kit per mangiare e bere (piatto, bicchiere, bottiglia per l’acqua delle fonti, posate)».
Si tratta di una marcia vera e importante. Importante perché sollecita e segna un risveglio della Sicilia. La volontà di uscire dal sonno della ragione.
Lo slogan recita: «In marcia per sé, per gli altri, per un mondo nuovo».
(per info: siciliaperperi.wordpress.com)

……………………

il Cambiamento

………………………..

“A piedi sulle orme di Danilo Dolci”
di Jolanda Bufalini
“L’Unità” 20 aprle 2011

http://www.unita.it/sociale/a-piedi-sulle-orme-di-danilo-dolci-i-di-j-bu-i-1.285273


………………………..

“In marcia sulle orme di Dolci: il reportage”
di Alli Traina
“I Quaderni dell’ora” 20 aprile 2011

http://www.iquadernidelora.it/articolo.php?id=205

………………………..

La Marcia per un Mondo Nuovo
di Carola Susani
‘Gli Altri’ –  16 aprile 2011 


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: